23 Giugno 2024
Via Bottazzi
Accadde oggi Attualità Magazine News

Video Regione cambia canale

INTERVISTA A MARCO RADDINI

VIDEO REGIONE: RADDINI CI SUGGERISCE DI SEGUIRE LE INDICAZIONI DI UGO!

Il 30 giugno 2022 le frequenze in banda attualmente in uso per la televisione digitale terrestre saranno destinate agli operatori mobili per i servizi 5G, ci dice Marco Raddini.

L’obbiettivo è quello di portare l’innovazione nelle case dei cittadini italiani, di garantirgli una televisione migliore, più sorprendente. Ce lo spiega minuziosamente Ugo, il camaleonte chiacchierone che di giorno in giorno, tra un momento di pubblicità della Rai e della Mediaset, ci dà delle istruzioni ben precise su cosa dover fare in attesa che “l’ennesima rivoluzione tecnologica” tocchi anche noi. 

Questo processo è stato sintetizzato tramite il termine “switch off”, che rappresenterebbe appunto il passaggio da un’era televisiva di forti emozioni, ad un’era televisiva di nuove sensazioni. Motivo per cui, secondo quanto affermato da Marco Raddini stesso, anche Video Regione, passerà dal canale 16 al canale 14.

Assisteremo dunque, in modo particolare in Sicilia, alla nascita di un nuovo orizzonte, tra il 28 aprile e il 6 maggio.

Il segreto della vittoria? Una formazione vincente

Marco Raddini, professionista in concessionarie di pubblicità, testate giornalistiche, canali televisivi  e progetti editoriali, nasce a Catania il 22 dicembre del 1967.

Si diploma in seguito ad un percorso di studi di tipo geometra, frequenta l’università e successivamente alla laurea, si fa protagonista di piccole esperienze di vendita, la cui formazione, caratterizzerà il suo futuro. 

La sua è una carriera brillante. 

Nel 2003 e nel 2005 (sino al 2008) tiene, in veste di docente, dei corsi di tecniche di vendita e di comunicazione e marketing d’impresa, mentre nel 2017 diventa invece amministratore unico TELERADIOREGIONE

Marco Raddini

Video Regione e Primamusica

Ringraziamo immensamente il Signor. Raddini per averci concesso la possibilità di poterlo intervistare circa il fenomeno digitale che di qui a poco “investirà” la Tv italiana; in attesa di nuove e possibili collaborazioni con Primamusica, vi invitiamo a risintonizzare il vostro televisore e continuare a seguirci per rimanere aggiornati.

Leggi anche: